domenica 6 novembre 2016

Prendendo un koicha in attesa di robiraki (Italian text)



Novembre è un mese davvero intrigante. 
Io amo profondamente l'autunno: i colori della natura diventano più intensi e si tingono di colori caldi e i primi freddi invitano a chiudersi nella sala da tè dove il crepitio appena udibile dei carboni roventi ci accoglie come un irresistibile richiamo. E' in questi momenti, davanti a una tazza di koicha, che risulta più facile meditare sulla vita, sulla natura e sugli insegnamenti  che solo la Via del Tè riesce ad impartire.




Con il mio koicha, oggi, ho cominciato a pensare a quello che è il punto focale del mese di Novembre per ogni seguace del Chado: robiraki. 
Robiraki è l'apertura di ro (braciere invernale) che coincide con il mese di Novembre e con l'aperture di chatsubo per il primo tè della stagione. L'apertura di ro e chatsubo dovrebbe essere fatta, secondo la tradizione, 88 giorni dopo la sua chiusura.
Robiraki richiede tanto tanto lavoro, ma la "posa" del primo carbone da anche una grandissima soddisfazione e segna l'inizio della stagione invernale e dell'accogliente carbone posizionato nel mezzo della stanza. 




Sopra e sotto alcune foto tecniche di come si beve koicha e come si pulisce la tazza di koicha dopo aver bevuto.





Nessun commento:

Posta un commento